Questo è un articolo che spesso mi accingo a postare, ma poi per un motivo o per un’altro non riesco.

Quali sono le domande che più frequentemente vengono poste da chi deve inviare un file per la stampa?

eccole:

Come devo impostare il file per la stampa?, qual’è la risoluzione ottimale?, con quale estensione è conveniente utilizzare per avere meno problemi possibili?

In questo post cercheremo di chiarire questi punti:

Andiamo con ordine.

Che Software utilizzare?

Partiamo dal presupposto, i file di stampa dovrebbero essere creati con programmi adatti allo scopo (Photoshop, Illustrator, Corel Draw, InDesign, Freehand, QuarkXpress).

Come inviare il file al Tipografo, stampatore

Generalmente dopo aver creato il proprio file, la cosa più semplice per inviarlo in tipografia per la stampa è salvarlo o esportarlo come file immagine, è quindi conveniente far avere al tipografico un file jpg o tiff, ricordandosi di salvare il file in cmyk per avere una corrispondenza colori più fedele.

Margini di taglio, margini di sicurezza e abbondanza.

Cosa molto importante quando si invia un file per la stampa sono i margini, ci sono tre tipi di margine da rispettare affinchè i vostri file siano perfetti.

Margine di stampa o area di taglio. Quando un file va in stampa non viene mai stampato nel formato che voi richiedete, ma in un formato carta più grande, il margine di taglio, corrisponde al formato finale che avete scelto di stampare.

Margine di sicurezza. Questo margine corrisponde al limite massimo, all’interno del formato di stampa, nel quale i testi devono rientrare se non volete che vengano troppo vicini al bordo o addirittura tagliati. Quindi se supponiamo di dovere stampare un volatino f.to 150x210mm, il riquadro ipotetico nel quale  i testi dovrebbero essere contenuti è 140×200, ovvero 5mm a giro all’interno del formato di stampa.

Abbondanza. L’abbondanza è un margine esterno all’are di taglio; riportando l’esempio di sopra, se il formato finito del file che volete stampare è 150×210, il file completo di abbondanza sarà 160×210. In quessto spazie esterno alla stampa deve contenere soltanto la continuazione dello sfondo del lavoro, ricordate che tutto cià che si trova nell’abbondanza sarà tagliato al momento del rifilo del lavoro.

Ecco un piccolo schema che spero vi chiarirà le idee:

Risoluzione di Stampa

La risoluzione ottimale per la stampa offset è di 300 dpi, per quanto riguarda la Stampa digitale grande formato è di 150 dpi.

Post: marco lucera tipografia e stampa digitale palermo

Annunci

Informazioni su polodigitaleblog

Grafico stampatore

»

  1. […] Per prima cosa se volete potete dare un’occhiata alle impostazioni base di ogni lavoro tipografico cliccando qui […]

  2. […] appena il vostro file progettuale è pronto, preparate il file di stampa ed infine rasterizzate, se state lavorando con una qualsiasi versione di Corel Draw la cosa più […]

  3. […] appena il vostro file progettuale è pronto, preparate il file di stampa ed infine rasterizzate, se state lavorando con una qualsiasi versione di Corel Draw la cosa più […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...